La fortuna dei principianti: esordi da incorniciare

Esattamente 60 anni fa, Alfredo Di Stéfano faceva il suo esordio con la Spagna battezzando il debutto con una tripletta; UEFA.com vi racconta altri indimenticabili esordi in nazionale.

©Getty Images

Sessant'anni fa oggi, Alfredo Di Stéfano battezzava il suo esordio con la Spagna segnando una tripletta. La Freccia Bionda di origini argentine del Real Madrid aveva infatti preso da poco la cittadinanza spagnola quando viene convocato dalla Roja. UEFA.com vi racconta altri esordi da sogno in nazionale.

Chacho: Spagna 13-0 Bulgaria, 21 maggio 1933
Sotto una pioggia battente, l'attaccante del Deportivo La Coruña, Chaco, segna sei gol – record per un calciatore spagnolo in una singola partita in nazionale, con tre dei sei messi a segno nei primi 20 minuti. Ancora oggi quella rimane una vittoria da record per la Spagna.

Angelos Charisteas: Grecia 3-3 Russia, 28 febbraio 2001
Tre anni e mezzo prima della storica vittoria di UEFA EURO 2004, Charisteas fa irruzione nella scena internazionale con una doppietta nei suoi primi 32 minuti con la maglia della Grecia.

Bobby Charlton: Scozia 0-4 Inghilterra, 19 aprile 1958
Due mesi dopo l'infortunio nel disastro aereo di Monaco, Sir Bobby segna un indimenticabile gol al volo all'esordio ad Hampden Park, aggiungendone altri due alla seconda convocazione contro il Portogallo.

Eddy de Neve: Belgio 1-4 Olanda, 30 aprile 1905
Per nulla scoraggiato dall'autogol del pari dopo avere segnato il primo gol in assoluto per la nazionale olandese, De Neve ne mette a segno altri tre nei supplementari. Faas Wilkes il 10 marzo 1946 lo eguaglia segnandone quattro all'esordio nella vittoria degli Orange per 6-2 sul Lussemburgo.

Guarda la tripletta di Serge Gnabry all'esordio con la Germania
Guarda la tripletta di Serge Gnabry all'esordio con la Germania

Serge Gnabry: San Marino-Germania, 11 novembre 2016
Il centrocampista del Bremen impiega nove minuti per segnare il primo dei tre gol all'esordio. La rete più bella è quella finale messa a segno al volo su un cross perfetto di Thomas Müller.

Sergei Gridin: Kazakistan 2-1 Azerbaijan, 3 giugno 2011
Il possente attaccante fa il suo esordio da sogno in nazionale maggiore con una doppietta nelle qualificazioni a UEFA EURO 2012. Le sue reti sono state particolarmente importanti dato che la nazionale in quel momento era a secco da oltre 500 minuti.

Jim McCalliog: Inghilterra 2-3 Scozia, 11 aprile 1967
"Ricordo perfettamente quella serata dato che non ho toccato alcol fino ai 23 anni", ha detto scherzando McCalliog, che a 20 anni ha segnato all'esordio il gol vittoria della Scozia contro gli allora campioni del mondo a Wembley.

Guarda Müller condurre la Germania dell'Ovest alla finale del 1976
Guarda Müller condurre la Germania dell'Ovest alla finale del 1976

Dieter Müller: Jugoslavia 2-4 Germania dell'Ovest (dts), 17 giugno 1976
La Germania è sotto per 2-1 a 11 minuti dalla fine, quando Müller esordisce dalla panchina nella semifinale di EURO '76. Tre minuti dopo l'ingresso in campo segna il gol del pari che porta la gara ai supplementari, e poi completa la tripletta siglando due reti nei supplementari.

Alberto Orlando: Italia 6-0 Turchia, 2 dicembre 1962
I quattro gol segnati contro la Turchia nelle qualificazioni EURO lasciavano presagire una carriera da sogno in nazionale per Orlando, ma quelle reti rimangono le uniche per il capocannoniere in condivisione della Serie A 1964/65 nelle cinque convocazioni con gli Azzurri.

Francisco Palmeiro: Portogallo 3-1 Spagna, 3 giugno 1956
Primo giocatore del Benfica ad andare a segno in Coppa dei Campioni nel settembre 1957, Palmeiro segna tre reti all'esordio contro la Spagna di Héctor Rial e Francisco Gento, che appena dieci giorni dopo avrebbero vinto la prima Coppa dei Campioni col Real Madrid.

Howard Vaughton: Irlanda 0-13 Inghilterra, 18 febbraio 1882
Le cinque reti dell'attaccante dell'Aston Villa nella vittoria più larga di sempre dell'Inghilterra sono ancora oggi un record. Ottimo giocatore di cricket e hockey nonché campione di pattinaggio su ghiaccio, Vaughton era anche un artigiano dell'argento – sua infatti la creazione della FA Cup usata dal 1895 al 1910.

Alfredo Di Stéfano impiega pochissimo tempo per lasciare il segno con la Spagna
Alfredo Di Stéfano impiega pochissimo tempo per lasciare il segno con la Spagna©UEFA.com

Josip Weber: Belgio 9-0 Zambia, 4 giugno 1994
Convocato in tre amichevoli con a Croazia, Weber poco dopo sceglie di giocare per la nazione del nonno dato che era ormai in pianta stabile da anni in Belgio avendo giocato col Cercle Brugge e Anderlecht. Nel suo secondo debutto in nazionale (dopo quello con la Croazia) segna cinque gol.

Zinédine Zidane: Francia 2-2 Repubblica Ceca, 17 agosto 1994
Convocato per l'amichevole di Bordeaux – nel quale militava da calciatore –, Zidane subentra a partita in corso per l'infortunato Youri Djorkaeff. Il 22enne Zidane entra al 63' sul 2-0 e in pochi minuti mette a segno due gol che valgono il 2-2 finale.

In alto